Pelle senza imperfezioni

Im Darkmode lesen Im Lightmode lesen

Il microbiota cutaneo: la nostra barriera protettiva nascosta

Dr. Adrian Weingart

Il microbiota cutaneo: la nostra barriera protettiva nascosta

Il microbiota cutaneo: cosa c'è da sapere e come mantenerlo in equilibrio

Sapevate che il vostro corpo ospita più di 38 trilioni di microrganismi? Ciò significa che i batteri costituiscono più della metà di voi! Per quanto possa sembrare spaventoso, non siete soli nel vostro corpo.

È quindi ancora più sorprendente che i microbi fossero visti come invasori, cioè come sostanze nocive o agenti patogeni da combattere. Oggi sappiamo che gli esseri umani formano una sorta di comunità simbiotica con i microbi e che questa simbiosi può avere effetti positivi sull'intero organismo!

I batteri che si trovano su di noi non vanno assolutamente combattuti, perché possono aiutare l'organismo a evitare che sostanze davvero nocive prendano il sopravvento nel nostro corpo. Questa consapevolezza ha completamente rivoluzionato il modo in cui pensiamo alla nostra pelle e ha il più grande impatto immaginabile su di noi, perché la pelle è il più grande organo sensoriale del corpo umano e allo stesso tempo la seconda superficie di contatto con il mondo esterno, dopo il microbiota intestinale!

Il microbiota cutaneo, la barriera protettiva del nostro organismo

Il nostro microbiota intestinale è composto da circa 100 trilioni di microrganismi diversi. A rigore, si presume che vi risiedano circa 500 tipi diversi di batteri. E questo è un bene, perché questa diversità di batteri può influenzare positivamente il nostro sistema immunitario, ma anche la nostra pelle!

Cosa c'è esattamente dietro il microbiota cutaneo?

L'occhio umano non può vedere batteri, virus, funghi e protozoi, ad esempio, ma sulla superficie della nostra pelle ci sono miliardi di microrganismi vivi! Si può pensare al microbioma cutaneo come a un piccolo cosmo a sé stante sulla superficie del nostro corpo, perché descrive l'interazione di tutti i microrganismi che vi si insediano. In un certo senso, il microbioma cutaneo è anche lo strato protettivo naturale della nostra pelle. Come già sappiamo dalla flora intestinale, vi vivono fino a sette miliardi di batteri, virus, funghi e protozoi in una complessa simbiosi.



Come la nostra impronta digitale, il microbioma di una persona è unico, perché in base al nostro DNA, all'età, al sesso e allo stile di vita, i microrganismi viventi differiscono da persona a persona. In condizioni ambientali sfavorevoli (ad esempio, elevato inquinamento atmosferico e forti radiazioni UV), ad esempio, l'equilibrio tra batteri "buoni" e "cattivi" può essere gravemente alterato.

Il microbiota cutaneo è di per sé incredibilmente complesso, perché i microbi non sono distribuiti uniformemente in tutto il nostro corpo. La composizione varia a seconda delle caratteristiche delle singole aree cutanee. Quindi, se la pelle è grassa, secca o umida, è sempre colonizzata da batteri diversi. Le zone della pelle come le ascelle, l'inguine o le dita dei piedi sono logicamente preferite dai microbi che amano il calore e l'umidità. In regioni del corpo come il viso, la scollatura e la parte superiore della schiena, i microbi lipofili hanno maggiori probabilità di colonizzare. Si tratta di un tipo di batteri di cui non ci si può liberare nemmeno con la disinfezione, perché vengono immagazzinati in serbatoi e si formano nuovamente entro 24-72 ore!

Zone piuttosto secche come braccia e gambe, ad esempio, contengono solo pochi microbi. Che si tratti di pelle grassa sul viso, pelle secca sotto le ascelle o ascelle umide, il microbioma si adatta al micro-ecosistema.

Funfact: Sapevate che le persone che vivono vicine, ad esempio nella stessa stanza, hanno spesso un microbioma molto simile? Il motivo è che gli organismi viventi si scambiano informazioni tra loro. Ad esempio, la pelle di un embrione è priva di germi, batteri, ecc. Tuttavia, già alla nascita assorbe i primi microrganismi dalla madre.

Qual è il ruolo del microbioma?

Se esiste un equilibrio tra organismi "buoni" e "cattivi" sul nostro corpo, il microbioma agisce come uno scudo protettivo per la nostra pelle.

Gli agenti patogeni possono essere scongiurati dalla simbiosi dei batteri della flora cutanea. Anche le ferite vengono curate più velocemente dal nostro microbioma cutaneo. Tuttavia, i batteri non solo ci difendono dagli agenti patogeni, ma favoriscono anche il basso valore del pH della pelle e sostengono il nostro sistema immunitario. Il sistema immunitario impara a distinguere i microrganismi benefici da quelli patogeni. Perché ciò avvenga, è necessario un contatto microbico anche attraverso la pelle.

In realtà, la difesa funziona in modo molto semplice: se tutti i luoghi e le nicchie accessibili del corpo sono già colonizzati da batteri "buoni", la comunità microbica esistente impedisce ai "nuovi arrivati" di insediarsi e diffondersi sulla pelle. Questo meccanismo è chiamato anche resistenza alla colonizzazione.

Batteri, virus, funghi e radicali liberi vogliono colonizzare la superficie della pelle. Il nostro microbioma impedisce loro di farlo mantenendo un sottile equilibrio. Tuttavia, se il microbioma cutaneo è instabile o squilibrato (disbiosi), gli invasori percepiscono la possibilità di colonizzare l'organismo. Questo può portare a infiammazioni, lesioni e altre malattie della pelle. Uno squilibrio del microbioma cutaneo può essere provocato, ad esempio, da uno stile di vita non sano o da cure eccessive. Ad esempio, se soffrite di acne o eczema, molto probabilmente avete una disbiosi nel vostro microbiota cutaneo.

Come possiamo garantire l'equilibrio della flora cutanea?

Analogamente a quelli della flora intestinale, i microrganismi presenti sulla nostra pelle si comportano in modo molto diverso a seconda del nostro stile di vita. Le persone che bevono più della media, fumano continuamente, seguono una dieta squilibrata e sono esposte a un inquinamento costante tendono ad avere una barriera protettiva più debole.

Un aspetto che spesso viene sottovalutato è la routine di toelettatura quotidiana. L'igiene eccessiva attacca la naturale barriera protettiva della pelle, ovvero la flora cutanea e il mantello acido. Flora cutanea residente" è il termine usato per descrivere i germi naturali della pelle che si insediano costantemente sulla nostra pelle e combattono gli agenti inquinanti e i batteri pericolosi. La flora cutanea è intatta al meglio quando il valore del pH della pelle è appena inferiore a 5, cioè nell'intervallo acido. Questo perché la maggior parte dei batteri patogeni non può nemmeno svilupparsi in questo ambiente leggermente acido, chiamato anche "mantello acido". Inoltre, garantisce che gli speciali enzimi che costruiscono la pelle possano lavorare meglio. Tuttavia, alcuni e troppi cosmetici fanno sì che la pelle diventi alcalina, distruggendo così il mantello acido protettivo. La conseguenza è che la flora cutanea non funziona più correttamente. La pelle perde umidità e i batteri pericolosi e altre sostanze nocive possono penetrare più facilmente.

Gli errori più comuni nel lavaggio:

  1. SAPONE: meno è meglio - i saponi e i bagnoschiuma attaccano il mantello acido protettivo della pelle. Meno sapone si mette sulla pelle, meno è probabile che distrugga la sua funzione naturale. Gli esperti consigliano di non insaponare accuratamente il corpo ogni giorno. In definitiva, la detersione con acqua è perfettamente sufficiente. Solo i residui di trucco e di grasso devono essere rimossi con il sapone! In particolare, le mani devono essere lavate con il sapone. È bene ricordare che i saponi e i gel doccia per il corpo non contengono laurilsolfato di sodio. L'SLS agisce come tensioattivo e lega lo sporco a base di olio, che può essere poi risciacquato con acqua. Soprattutto le persone affette da malattie della pelle come eczemi o neurodermatiti dovrebbero evitarlo..
  1. LAVAGGIO: nella pelle secca o molto sensibile, il meccanismo di protezione è solitamente instabile. Soprattutto in questo caso, un'eccessiva cura può anche essere dannosa. Se in una giornata avete sudato poco o non siete entrati in contatto con lo sporco, potete saltare la doccia con la coscienza pulita. Se questo vi fa sentire a disagio, potete ovviamente detergere quotidianamente alcune zone del corpo, come le ascelle, le mani, il viso, l'incavo del sudore sul petto e sulla schiena e la zona intima. La "riduzione della pulizia" è l'ultima tendenza, che consiste nell'adattare la routine di igiene del corpo al proprio tipo di pelle e alle sue reali esigenze, al fine di preservare lo strato protettivo naturale della pelle. Dopotutto, se si fa la doccia troppo a lungo, la pelle si ammorbidisce, perde idratazione e si secca più rapidamente.
  1. TEMPERATURA: i medici consigliano che la temperatura dell'acqua della doccia sia tiepida, cioè simile alla temperatura corporea, o leggermente più alta. In particolare, le persone che soffrono di irritazione o secchezza dovrebbero prestare attenzione alla temperatura dell'acqua per proteggere il microbiota cutaneo.
  1. TEMPO: la durata consigliata per la doccia è di cinque-dieci minuti. Una doccia troppo lunga può privare la pelle dell'idratazione. Questo accade perché si ammorbidisce grazie all'umidità dell'acqua e quindi, in cambio, l'umidità può uscire dal corpo!
  1. PRODOTTI: Soprattutto le persone con allergie o problemi di pelle dovrebbero utilizzare prodotti detergenti delicati con un valore di pH da 5,5 a 7. Il trattamento a pH neutro non deve contenere profumi, coloranti artificiali e altri ingredienti pericolosi. L'industria della cura della pelle continua a rivoluzionarsi. Le tendenze innovative come i cosmetici probiotici sono efficaci perché i prodotti per la cura della pelle sono realizzati con microrganismi vivi. In questo modo, raggiungono la pelle e il suo microbiota e possono rafforzare continuamente l'equilibrio della flora cutanea.

In che modo il microbiota cutaneo è legato alla colonizzazione batterica intestinale?

È importante notare che l'intestino ha un'influenza positiva sulla nostra pelle, purché sia sano e l'equilibrio batterico naturale della flora intestinale sia in equilibrio. Uno stile di vita sano e una dieta equilibrata e povera di carne sono utili a questo scopo. Perché se il nostro intestino è sano, le sostanze nocive possono essere metabolizzate attraverso la pelle in misura minore.

La salute della pelle è legata al sistema immunitario e al microbioma intestinale. Alcuni studi hanno dimostrato che i bambini con una bassa diversità batterica nell'intestino avevano maggiori probabilità di sviluppare la dermatite atopica.

Nella maggior parte dei casi, i pazienti affetti da malattie infiammatorie intestinali soffrono anche di problemi cutanei, che spesso derivano dalla composizione negativa della flora intestinale. Il numero o la varietà dei batteri intestinali può cambiare negativamente a causa di una dieta non sana o dell'assunzione di antibiotici. Se ciò accade, il risultato è solitamente un sistema immunitario indebolito!

Ad esempio, una dieta squilibrata o l'uso di antibiotici possono innescare un cambiamento nella flora batterica intestinale e indebolire il sistema immunitario in modo che le infiammazioni siano più probabili, indebolendo la barriera cutanea e distruggendo la flora cutanea.

L'aspetto interessante è che oggi i medici sono in grado di stabilire con precisione quali microrganismi specifici cambiano nella varietà di malattie della pelle (dalla rosacea alla neurodermite). Ad esempio, si può stabilire che la neurodermite ha troppi batteri E.Coli (che scatenano l'istamina che causa l'allergia) e troppi clostridi (che favoriscono l'infiammazione) nell'intestino. Pertanto, batteri lattici, bifidobatteri e germi sono fondamentali per proteggere la mucosa intestinale. Per la rosacea sono utili alcuni batteri lattici, come il Lactobacillus casei.

Quali tipi di batteri ho sulla pelle?

Esistono tre gruppi principali di batteri che si trovano sulla pelle: batteri Staphylococcus, batteri Propioni e batteri Coryne. Questi batteri sono dannosi? No. Quando sentiamo la parola "batteri" ci viene subito in mente la malattia, ma per il microbiota cutaneo è vero il contrario: l'interazione dei batteri con la pelle rafforza il sistema immunitario per combattere i germi. Affinché il microbiota cutaneo sia protetto in modo ottimale, tutte e tre le specie devono essere presenti in un equilibrio naturale.

Quale influenza possono avere i dailybacs sul microbiota cutaneo attraverso l'intestino? Quali sono i batteri benefici per la pelle?

Percepire la pelle come un ecosistema - costituito da componenti biologici e fisici viventi che occupano habitat diversi - può far progredire la nostra comprensione del delicato equilibrio tra ospite e microrganismo. Le alterazioni dell'equilibrio su entrambi i lati dell'equazione possono portare a disturbi o infezioni della pelle.

Ma quali sono i batteri utili per la pelle?

Gli studi dimostrano che i sinbiotici hanno migliorato sintomi come la dermatite atopica, le allergie e la psoriasi se assunti per un lungo periodo di tempo. I ceppi probiotici con comprovati benefici per la pelle includono Lactobacillus e Bifidobacterium.

Pertanto, i sinbiotici come le capsule Dailybacs sono molto utili anche per la nostra pelle. I Dailybacs sono sinbiotici, ovvero probiotici da un lato, che consistono in ceppi di batteri appositamente selezionati, e prebiotici dall'altro, che sono il "cibo" dei batteri intestinali. Assicurano che i batteri intestinali possano crescere e funzionare al meglio. Tuttavia, Dailybacs contiene anche un terzo aspetto, ovvero gli importanti minerali e vitamine di cui l'organismo ha bisogno quotidianamente. Le capsule Dailybacs sono studiate su misura per le esigenze individuali di uomini e donne.

Quali microrganismi NON fanno bene alla pelle?

  • Funghi del genere malassezia: se sfuggono di mano, possono sviluppare un eczema cutaneo.
  • Staphylococcus aureus: se si diffonde, a volte si sviluppano bolle - un'infezione sistemica può portare a una pericolosa polmonite
  • Staphylococcus haemolyticus: appartiene ai germi ospedalieri e può causare malattie del tratto urinario o delle articolazioni.
  • Staphylococcus epidermidis: può rivestire protesi o cateteri con un biofilm
Come ottenere una pelle luminosa grazie a una flora intestinale sana?

"Una flora intestinale sana e l'aggiunta mirata di alcuni ceppi batterici possono migliorare l'idratazione, stimolare la formazione di acido ialuronico, alleviare brufoli ed eczemi, migliorare la protezione dai raggi UV della pelle o rendere meno sensibile la pelle sensibile". Anche il processo di invecchiamento viene ritardato da un intestino sano, le rughe possono essere ridotte dal ceppo batterico Lactobacillus plantarum", spiega la dottoressa Michaela Axt-Gadermann.

Prebiotici:

La flora intestinale ha bisogno di fibre prebiotiche. Come già sappiamo, questo significa "cibo" per la crescita dei batteri intestinali e per bloccare i batteri nocivi che non fanno bene alla pelle.

Alimenti ricchi di fibre che contengono prebiotici per una pelle luminosa:

  • Inulina: si trova in verdure come la cicoria, i carciofi, l'aglio, le cipolle, i porri, gli asparagi, la pastinaca, il topinambur o la salsefrica. Lo sciroppo d'agave o lo sciroppo di yacon sono altri alimenti ricchi di fibre.
  • Oligofruttosio: si trova in cereali come avena e segale, cipolle, aglio, banane, pomodori e persino nella birra.
  • Amido resistente: ad esempio, nelle banane acerbe, nei fagioli, nelle lenticchie, nei piselli, nell'orzo, nelle patate e nel riso raffreddati, nella farina d'avena con semi, nel porridge o nel miglio.
  • Lattulosio: Prodotti lattiero-caseari
  • Pectina: è meglio mangiare le mele con la buccia, perché è qui che si trovano molte fibre.
  • Altri alimenti ricchi di fibre: mandorle, semi di chia e di lino, miele, tè verde, caffè, melograno, mirtilli rossi, cioccolato fondente e persino vino rosso.



Alimenti con batteri probiotici: forniscono batteri benefici che influenzano positivamente la flora intestinale. Se consumati regolarmente, possono addirittura colonizzare l'intestino e rafforzare la flora intestinale dell'organismo.

  • Yogurt, kefir, latticello, formaggio, crauti, kimchi, sottaceti e pasta di miso.

Una cosa da tenere presente è una dieta il più possibile varia, con una varietà di verdure, cereali integrali, noci e acidi grassi omega-3, come quelli presenti nel salmone, nell'avocado e nelle noci.

Esiste un alimento di bellezza definitivo con cui posso "prendermi cura" della mia pelle?
Sì, le persone che assumono con la dieta un'elevata quantità di carotenoidi e vitamina C hanno meno rughe rispetto a quelle che non assumono queste sostanze con la dieta. La protezione dai raggi UV è un altro grande problema per la pelle. Alimenti come il cioccolato fondente, i pomodori e il tè verde possono migliorare la protezione UV della pelle e proteggere dalle rughe. Inoltre, un buon apporto di proteine è necessario per la compattezza del tessuto collagene.Fazit

Infine, vediamo che la nostra pelle riflette la salute del nostro intestino. Quando il nostro intestino è sano, la nostra pelle risplende, invecchia più lentamente, è meno secca e meno soggetta a brufoli e irritazioni. Se la nostra flora intestinale non è in equilibrio, la nostra pelle ne risente dal punto di vista estetico e della salute, perché possono insorgere malattie cutanee. Quindi è vero: la bellezza viene da dentro. Una dieta varia e nutriente può prevenire i disturbi della flora intestinale e mostra una cascata di effetti positivi sulla nostra digestione generale, sulla salute e sulla pelle. È quindi la chiave della salute e della bellezza!
Pelle disturbata dalla barriera (ad es. pelle sensibile)

La pelle danneggiata dalla barriera reagisce in modo molto sensibile, anche a stress minori. Poiché la barriera cutanea è compromessa, il contenuto naturale di acqua della pelle non può essere mantenuto e la pelle si secca sempre di più. Le conseguenze possono essere arrossamenti, screpolature, infiammazioni, forfora e prurito.

5 consigli su come proteggere la barriera cutanea:

Una barriera cutanea sana è il fondamento di una pelle bellissima!

  1. Utilizzate ogni giorno l'SPF (fattore di protezione solare): I dannosi raggi UV possono colpire la pelle 365 giorni all'anno. Anche se piove o è nuvoloso, è bene proteggere la pelle ogni giorno utilizzando una crema da giorno con un SPF di almeno 30. Sappiamo che l'SPF protegge la pelle da questi raggi UV, che causano i segni dell'invecchiamento. Ma sapevate che la protezione quotidiana può persino aiutare la vostra pelle a riprendersi da danni precedenti?
  2. Non utilizzare prodotti per la cura della pelle contenenti paraffina: Questi formano una pellicola impermeabile sulla pelle. Quando questi prodotti vengono utilizzati per un lungo periodo di tempo, la barriera cutanea non riesce più a rigenerarsi e la sua funzione diminuisce. Attenzione: quando si interrompe l'uso del prodotto, la pelle può rimanere secca e priva del suo equilibrio naturale per settimane o addirittura mesi. Ci vorrà tempo perché si rigeneri.
  3. Evitate gli emulsionanti: possono ostacolare la pulizia dello strato lipidico. Un emulsionante combina olio e acqua. Tuttavia, disturba anche il contenuto lipidico naturale della barriera cutanea, che aumenta verso l'esterno. Il nostro consiglio: lasciate perdere le creme, piuttosto optate per cosmetici puri con oli vegetali biologici senza additivi.
  4. Esfoliazione eccessiva: può danneggiare ugualmente la barriera cutanea. Quando la pelle è esposta a un peeling troppo intenso, l'epidermide non riesce a rigenerarsi in modo sufficientemente rapido e completo per mantenere la sua funzione protettiva.
  5. Sostanze proprie della pelle: Considerato efficace per rigenerare e mantenere la barriera cutanea. È meglio utilizzare oli vegetali che contengono speciali acidi grassi che servono a reintegrare i componenti naturali nella barriera cutanea.
  • Acido linoleico: si trova nell'olio di amranthextrate, argan, borragine e albicocca.
  • Acido palmitico: si trova nell'estratto di olivello spinoso e di amaranto, ma anche nell'olio di germe di grano e di avocado.
  • Acido stearico: presente negli oli di semi di cetriolo, sesamo, borragine e moringa.
  • I fitosteroli si trovano nell'olio di enotera, nell'olio di germe di grano, nell'estratto di amaranto e nel burro di karité.
  • Idratazione, idratazione, idratazione: l'idratazione della pelle non deve essere fatta solo dall'esterno ma anche dall'interno. Bevete acqua a sufficienza o acqua vegetale biologica che può essere assorbita in profondità dalla pelle e contiene ingredienti efficaci.
  • Scegliere il naturale: se possibile, indossare abiti in fibre naturali come il cotone e il bambù, soprattutto se il tessuto rimane a lungo a contatto con la pelle, come la biancheria intima. Le fibre sintetiche possono irritare la barriera cutanea e alterare l'equilibrio tra batteri buoni e cattivi. Le fibre sintetiche come il poliestere, a differenza del cotone, offrono un ambiente ottimale per i batteri che causano gli odori, come riporta il Journal of Applied and Environmental Biology.