Dermatite - Cause, sintomi e approcci terapeutici

Im Darkmode lesen Im Lightmode lesen

Dermatite - Cause, sintomi e approcci terapeutici

Dr. Adrian Weingart

Dermatite - Cause, sintomi e approcci terapeutici

In questo articolo del blog scoprirete cosa c'è da sapere sulla dermatite atopica.


La dermatite atopica è una malattia cronica della pelle caratterizzata da pelle secca che può essere irritata, pruriginosa, squamosa e infiammata. È una delle malattie della pelle più comuni in Germania e spesso esordisce nell'infanzia. Negli adulti, la neurodermite si manifesta soprattutto sui lati piegati delle braccia e delle gambe, sul collo e sulle mani.


Chi è colpito?

Gli studi hanno dimostrato che i bambini piccoli sono i più colpiti. Mentre la malattia è più o meno equamente distribuita nelle ragazze e nei ragazzi tra i cinque e i nove anni, la situazione cambia significativamente dopo i 10 anni. Dopo i 10 anni, infatti, le femmine sono più spesso colpite rispetto ai maschi. Tuttavia, i sintomi non differiscono.


Quali sono i sintomi?

I sintomi possono variare in gravità per ogni individuo. Alcune persone hanno episodi occasionali di dermatite atopica, mentre altre ne soffrono quasi costantemente. A seconda della gravità e della localizzazione dei sintomi, la dermatite atopica può influire sulla qualità della vita in misura variabile. Il trattamento può aiutare a controllare i sintomi. Per molte persone la condizione migliora in età adulta, ma per alcune può durare tutta la vita. I sintomi possono essere controllati con una combinazione di farmaci, prodotti per la cura della pelle ed evitando i fattori scatenanti. Una diagnosi e un trattamento precoci possono contribuire a ridurre la gravità dei sintomi e a migliorare la qualità della vita.



Quali sono le cause della dermatite atopica?

Le cause della dermatite atopica non sono del tutto note, ma si ritiene che sia importante una combinazione di condizioni genetiche e ambientali. Un ruolo cruciale è rappresentato da un'alterata funzione di barriera della pelle e dalla tendenza genetica del sistema immunitario a reagire in modo eccessivo a stimoli innocui provenienti dall'ambiente. Oltre all'ereditarietà, anche le allergie sono tra i fattori di rischio noti. Circa due terzi delle persone colpite hanno una forma allergica della malattia. Spesso presentano sintomi più gravi, più spesso febbre da fieno o asma allergica. Possibili fattori che possono contribuire alla dermatite atopica sono anche la perdita di umidità della pelle, i disturbi metabolici, lo stress e altri stress psicologici. In effetti, la malattia e i suoi sintomi sono interrelati allo stato psicologico. Lo stress può aggravare la dermatite atopica, ma al contrario i sintomi e in particolare il prurito notturno sono psicologicamente stressanti. È importante notare che ogni persona può reagire in modo diverso ai fattori scatenanti.



Insieme alle allergie alimentari, all'asma allergica e alla rinite allergica, la dermatite atopica è una delle forme più comuni di allergia.

Le malattie atopiche sono un gruppo di patologie croniche causate da una reazione iperattiva del sistema immunitario a determinati stimoli o allergeni.


Perché anche l'intestino può essere il fattore scatenante

Oltre alle cause sopra citate, si è scoperto che lo sviluppo della dermatite atopica non è legato solo al microbioma cutaneo, ma anche a quello intestinale. Ad esempio, alcuni studi hanno dimostrato che i bambini con una bassa diversità batterica nell'intestino avevano maggiori probabilità di sviluppare la dermatite atopica. Questo legame comprovato tra l'intestino e la dermatite atopica è chiamato "asse intestino-pelle". È stato dimostrato che una flora intestinale sana e una barriera intestinale intatta sono importanti per regolare il sistema immunitario e prevenire le infiammazioni. Una flora intestinale disturbata e una barriera intestinale danneggiata possono aumentare il rischio di dermatite atopica. Si ritiene che alcuni microrganismi dell'intestino siano sottorappresentati nei pazienti con dermatite atopica rispetto agli individui sani, mentre altri possono essere presenti in modo sproporzionato.



Come la dermatite atopica modifica il microbioma cutaneo

La pelle è l'organo più grande del corpo umano e svolge molte funzioni importanti, tra cui la protezione, la regolazione della temperatura corporea, la ricezione di stimoli sensoriali e la secrezione di sudore. Il microbioma cutaneo si riferisce all'insieme di tutti i microrganismi, compresi batteri, funghi e virus, che vivono sulla pelle di un essere umano o di un animale. Questi microbi vivono in un ecosistema dinamico sulla pelle e svolgono un ruolo importante nella regolazione della salute della pelle e nel meccanismo di protezione contro i microbi nocivi. L'equilibrio del microbioma cutaneo è fondamentale per la salute della pelle, mentre un'alterazione della popolazione microbica sulla pelle può portare a problemi cutanei come eczemi o infezioni. In alcune condizioni della pelle, questo equilibrio può essere disturbato, causando infiammazioni ed eczemi. Ad esempio, nella dermatite atopica si riscontra una maggiore presenza di Staphylococcus aureus rispetto alla pelle sana.


Approfondimento: ceppo batterico Staphylococcus aureus

Lo Staphylococcus aureus è un agente patogeno comune che si trova negli strati della pelle e può svolgere un ruolo nello sviluppo della dermatite atopica. Alcuni studi hanno dimostrato che le persone affette da dermatite atopica presentano un numero maggiore di Staphylococcus aureus sulla pelle rispetto alle persone sane. Lo Staphylococcus aureus può causare infiammazione e alterare la funzione della barriera cutanea, contribuendo al peggioramento dei sintomi della dermatite atopica. In alcuni casi, il trattamento dello stafilococco aureo può migliorare i sintomi della dermatite atopica. Tuttavia, è importante notare che non tutte le persone con dermatite atopica hanno un'infezione da Staphylococcus aureus e che ci sono altri fattori che possono giocare un ruolo nello sviluppo e nella progressione della dermatite atopica, tra cui fattori genetici, esposizioni ambientali e un asse intestino-pelle disfunzionale.



Nuovo approccio: una flora intestinale sana

Una dieta non sana, ricca di carboidrati raffinati, zuccheri e alimenti trasformati, può portare a disbiosi (alterazione del microbioma) nell'intestino e quindi influenzare anche l'insorgenza della dermatite atopica.

Una dieta equilibrata ricca di fibre, frutta e verdura fresche può migliorare il microbioma intestinale e contribuire a ridurre la dermatite atopica. Studi recenti dimostrano anche che gli integratori di probiotici possono sostenere il microbioma intestinale. I probiotici contribuiscono quindi a migliorare l'ambiente intestinale, a bilanciare le risposte immunitarie e a regolare l'attività metabolica.


È in questo contesto che abbiamo sviluppato Dermabacs, un sinbiotico in grado di agire in modo specifico sulla dermatite atopica. Volete saperne di più? Allora cliccate qui e scoprite il Dermabacs!

TEST DERMABACS


Fonti

Langan SM, Irvine AD, Weidinger S. Dermatite atopica. Lancet 2020; 396(10247): 345-360.
Uwe Wollina (2017) Microbiome in atopic dermatitis, Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology, 10:, 51-56, DOI: 10.2147/CCID.S130013.
Fang, Z., Li, L., Zhang, H., Zhao, J., Lu, W., & Chen, W. (2021). Microbiota intestinale, probiotici e loro interazioni nella prevenzione e nel trattamento della dermatite atopica: una rassegna. Frontiers in Immunology, 12. https://doi.org/10.3389/fimmu.2021.720393.
Williams HC, Chalmers J. Prevenzione della dermatite atopica. Acta Derm Venereol 2020; 100(12): adv00166.
Barmer GEK. Analisi BARMER - Soprattutto i bambini e le donne soffrono di neurodermite. 2020. www.barmer.de/presse/presseinformationen/pressemitteilungen/barmer-analyse---vor-allem-kinder-und-frauen-leidenunter-neurodermitis-257016