Psychobiotika

Im Darkmode lesen Im Lightmode lesen

Psicobiotici - i batteri e la loro influenza sulla salute mentale

Dr. Adrian Weingart

Psicobiotici - i batteri e la loro influenza sulla salute mentale

In breve:

Gli psicobiotici sono probiotici (cioè batteri intestinali) in grado di influenzare la psiche e di aiutare la sofferenza mentale. Questi microrganismi possono influenzare il nostro umore attraverso l'asse intestino-cervello. I batteri che promettono un elevato potenziale psicobiotico sono principalmente ceppi dei generi Lactobacillus e Bifidobacterium. I prebiotici possono sostenere il lavoro di questi ceppi batterici e inoltre prevenire l'infiammazione che può essere altrimenti associata all'umore depresso. Ecco perché i sinbiotici (la combinazione di pro- e prebiotici) sono di particolare interesse per gli scienziati. Tuttavia, la ricerca sugli psicobiotici è ancora agli inizi, ma rappresenta un ramo di ricerca in rapida crescita ed estremamente promettente.

Deep Dive - Di cosa si tratta esattamente?

È ormai provato che il nostro microbioma intestinale non solo influenza la nostra digestione, ma anche una moltitudine di sistemi del nostro corpo e, soprattutto, è in costante scambio con il nostro cervello. Questo perché i microrganismi presenti nell'intestino influenzano i processi cerebrali. Nel frattempo, sono stati riconosciuti interessanti collegamenti tra alcuni problemi psicologici e neurologici e i disturbi intestinali. Le persone affette da sindrome dell'intestino irritabile, ad esempio, sono più spesso anche depresse, i malati di Parkinson sono inclini alla stitichezza e le persone con disturbi dello spettro autistico spesso soffrono anche di problemi digestivi. Abbiamo spesso trattato in dettaglio il cosiddetto asse intestino-cervello. Gli psicobiotici sono probiotici che, se somministrati nella giusta quantità, hanno un effetto positivo sulla psiche. Il termine è stato coniato solo nel 2012, quindi questa branca della ricerca è ancora molto giovane, ma sta crescendo rapidamente ed è considerata molto promettente - a ragione, secondo noi! Per questo motivo, vogliamo darvi un'idea di alcune delle scoperte scientifiche fatte finora e del potenziale che i pro- e i prebiotici hanno in questo contesto!

E come funzionano?

I modi in cui i nostri sistemi corporei comunicano tra loro sono estremamente complessi, quindi si pensa che anche gli psicobiotici agiscano in molti modi diversi. Ad esempio, consentono la sintesi di alcuni neurotrasmettitori che influenzano il nostro comportamento, tra cui la serotonina, nota come ormone della felicità. Inoltre, possono regolare la nostra risposta allo stress impedendo il rilascio eccessivo di cortisolo, l'ormone dello stress. Inoltre, gli psicobiotici possono alleviare i processi infiammatori dell'organismo e aumentare la glutatione, una proteina nota per le sue forti proprietà antiossidanti in grado di prevenire, tra l'altro, le infiammazioni. L'aumento della permeabilità della mucosa intestinale è spesso associato a una maggiore attività infiammatoria nell'organismo. Questa permeabilità può aumentare, ad esempio, in caso di stress acuto. Si pensa quindi che questo fatto spieghi anche l'aumento dei livelli di infiammazione misurati nelle persone che soffrono di depressione o di disturbi d'ansia.

Quali ceppi batterici hanno un potenziale psicobiotico?

La maggior parte del potenziale è attribuito ai batteri dei generi Lactobacillus e Bifidobacteria, in particolare alle specie B. breve e B. longum, di cui vari ceppi specifici sono presenti anche nel Dailybacs, nonché alle specie L. rhamnosus e L. plantarum. Ceppi di queste specie si trovano anche nel Dailybacs. I bifidobatteri sembrano in grado di prevenire le reazioni infiammatorie e di aumentare il livello di triptofano nell'organismo. Ciò li rende ulteriormente interessanti nella ricerca sugli psicobiotici, perché i sintomi depressivi sono associati, tra l'altro, a una carenza di triptofano, un precursore del neurotrasmettitore serotonina. Presumibilmente, questo è il motivo per cui il triptofano può avere un effetto calmante e sollevare l'umore.
Come tutti i batteri utili per l'uomo, i piccoli aiutanti traggono beneficio quando vengono "nutriti" ulteriormente con prebiotici. I prebiotici possono ridurre la permeabilità della mucosa intestinale e quindi prevenire eventuali infiammazioni che, come già detto, si osservano tra l'altro nei pazienti con stati depressivi o ansiosi. Di particolare interesse come prebiotici nel contesto psicobiotico sono i frutto-oligosaccaridi (FOS) - un polisaccaride annoverato tra le fibre alimentari e presente ad esempio nella cicoria - e i galatto-oligosaccaridi (GOS), presenti ad esempio nel latte materno. (A proposito, nel Dailybacs utilizziamo anche l'estratto di radice di cicoria come efficace prebiotico). È stato osservato sia negli animali che nell'uomo che i prebiotici del gruppo Bimuno-GOS (B-GOS) possono influenzare positivamente i processi emotivi e cognitivi. Il B-GOS, a sua volta, promuove in particolare i bifidobatteri utili.
Tutti questi risultati portano i ricercatori a ritenere che i sinbiotici, in quanto combinazione di pre e probiotici, possano essere particolarmente interessanti per il tema degli psicobiotici. È stato osservato, ad esempio, che i sinbiotici riducono in modo significativo il cosiddetto fattore di necrosi tumorale TNF-α, che può scatenare l'infiammazione in numero maggiore. Questo effetto dura per diversi mesi dopo il trattamento. Questa scoperta potrebbe quindi aiutare non solo i pazienti affetti da malattie infiammatorie intestinali, ma anche quelli che soffrono di malattie mentali. Possiamo certamente attendere ulteriori studi e scoperte in questo settore!

Psicobiotici come antidepressivi?

In esperimenti su ratti, trattati in parte con antidepressivi e in parte con probiotici, si sono già osservati risultati comparabili. Tuttavia, poiché i dati sono ancora molto scarsi, gli psicobiotici non rappresentano ancora un'alternativa terapeutica nell'uomo. Troppe domande sono ancora aperte su quali ceppi batterici specifici possono essere utili in quale dosaggio e come funzionano in dettaglio. Non è ancora possibile dire se in futuro gli psicobiotici potranno essere prescritti al posto degli antidepressivi convenzionali. Un grande vantaggio rispetto ai classici antidepressivi è che i pro e i prebiotici, a differenza di questi farmaci, non hanno praticamente effetti collaterali. In ogni caso, i risultati ottenuti finora sono affascinanti e gli scienziati sono (cautamente) ottimisti! L'assunzione di farmaci o integratori può, dopo aver consultato un medico o un terapeuta, in alcune circostanze integrare utilmente la psicoterapia, ma non sostituirla!

Applicazione pratica - Utilizzare oggi l'asse intestino-cervello:

È già stato dimostrato che il microbioma può avere un'influenza non solo sull'intestino, ma sull'intero organismo, compreso il cervello. Utilizziamo questo punto di partenza anche nei nostri prodotti come Dailybacs o il nostro componente aggiuntivo Mood Up. I numerosi ceppi di lattobacilli e bifidobatteri e i prebiotici del Dailybacs sono integrati con ashwagandha, estratto di zafferano, vitamine e 5-HTP, che contribuisce alla formazione della serotonina. In questo modo, fate qualcosa di buono per il vostro intestino e il vostro umore. Perché l'intestino è il motore della salute: se l'intestino non è in equilibrio, i nutrienti non possono essere assorbiti correttamente e quindi non possono essere utilizzati dall'organismo. I Dailybacs costituiscono quindi la base per una flora intestinale equilibrata e garantiscono un assorbimento ottimale dei nutrienti. Inoltre, è sempre possibile sostenere il corpo e la mente con una dieta equilibrata e ricca di fibre, l'esercizio fisico e la meditazione. È un modo naturale per aumentare il benessere fisico e mentale generale!

Fonti: